giovedì 28 dicembre 2006

VIVERE IN ITALIA



Il Sole 24 ore ha stilato una classifica che premia la città italiana in cui si vive meglio. Ha vinto Siena.

Il confronto fra le province italiane è basato sui dati relativi a 36 parametri raggruppati in sei macro aree. Siena è seguita da Trieste (vincitrice nel 2005), Bolzano e Trento. Milano è quinta, ma prima per euro in banca pro capite.

La posizione di retroguardia tocca a Catania, preceduta da tre città pugliesi: Taranto, Bari e Foggia.

Ottima la prestazione della Toscana, che è la regione più rappresentata ai vertici, con anche Firenze e Grosseto rispettivamente ottava e decima. Premiata decisamente anche la regione del Trentino Alto-Adige (Bolzano terza e Trento quarta). Bene anche l'Emilia Romagna, con Bologna quinta e Ravenna settima. Roma è ventitreesima (meno quattro posti rispetto all'anno scorso), Napoli perde sette posti e scende alla novantaseiesima posizione. Ancora una volta il Sud è assente dalle prime posizioni.

Oltre a primeggiare nelle sei macro-categorie prese in esame (tenore di vita, affari e lavoro, servizi ambiente e salute, ordine pubblico, popolazione e tempo libero), Siena vince anche nel sondaggio realizzato da IPR Marketing sulla percezione dei problemi da parte dei residenti.

La città del Palio è anche quella dove più persone vorrebbero vivere, dopo Firenze e Roma.

Nella classifica stilata dal quotidiano finanziario, Milano è in testa per euro in banca pro capite: 25.689. Bologna è la città con il minor tasso di disoccupazione, al 2,7 per cento, mentre il minor numero di borseggi e scippi si registra a Isernia: 8,93 ogni 100mila abitanti.
All'estremo opposto, fra le peggiori performance, c'è Palermo, con sole 7,7 imprese ogni 100 abitanti.

La palma in negativo per divorzi e separazioni spetta a Lodi (96,48 ogni 10mila abitanti).

E Crotone è la città con meno cinema in assoluto: 0,58 per 100mila abitanti. Siena è premiata per l'offerta culturale, per le numerose opere avviate in tema di edilizia, trasporti e scienza.

E' percepita come un luogo sicuro, dalla diffusa prosperità economica, molto allettante: è infatti terza come "città ideale".

Ben diversa la posizione di Catania, bocciata dagli abitanti su lavoro e criminalità. La città siciliana sconta anche i problemi della giustizia e non va meglio nel settore imprenditoriale: l'indice di crescita delle imprese è alto e sono molte le opere avviate, ma ci si divide sulla loro valenza strategica. Per questo e per il record negativo sull'ecologia, ottiene la maglia nera.

(tratto da La Repubblica. Foto da Internet)

3 commenti:

Sergi ha detto...

Io anche vorrei vivere a Siena, è bellissima.

Anonimo ha detto...

A seconda da questo rapporto si riscontra che la CULTURA sia il motore dell'economia di molte città italiane, forse perché siano munite da attrezzature turistiche, di cui si approfittano tutti i cittadini oltre gli impianti industriali.
Bo Nadal e prospero ano novo
Alberto

rma-ex ha detto...

Penso lo stesso che gli italiani, Siena è una città ideale, né grande né piccola, pulita, suggestiva, tranquilla. Si mangia molto bene e non è troppo cara