lunedì 25 marzo 2019

Mario Marenco, in memoriam



(foto da internet)


Ci ha lasciato l'umorista, architetto e designer, Mario Marenco, per anni spalla di Renzo Arbore e di Gianni Boncompagni nella trasmissione radiofonica Alto Gradimento

Nato a Foggia nel 1933, Marenco si laureò in architettura nel 1957 all'Università di Napoli, ottenendo poi borse di ricerca a Stoccolma e Chicago. Nel 1960 aprì un atelier di architettura e design, lo Studio Degw con sede a Roma, collaborando con le più importanti case automobilistiche italiane per la realizzazione dei loro stand espositivi.
Marenco ha sempre interpretato personaggi ironici, irriverenti e fuori dalle convenzioni, ed è stato antesignano dei moderni comici. Dopo il debutto in tv con Cochi e Renato ed Enzo Jannaccinel programma Il buono e il cattivo, raggiunse il successo nel 1970, in radio, dove faceva da spalla a Renzo Arbore e Gianni Boncompagni nella mitica trasmissione Alto Gradimento.




(foto da internet)

Continuò la carriera artistica in tv, da Quelli della notte a Indietro Tutta, sempre ospite di Arbore al quale era legatissimo anche per motivi anagrafici, essendo entrambi originari di Foggia.
Mario Marenco diede voce e volto a personaggi indimenticabili, quali il ladro Pasquale Zambuto (ascolta>>), la Sgarambona, l'astronauta spagnolo Raimundo Navarro sulla navicella Paloma Secunda (ascolta>>), il dottor Anemo Carlone (ascolta>>), il professor Aristogitone (ascolta>>), Verzo (ascolta>>), e il poeta Marius Marenco suo doppio (ascolta>>), tra gli altri; insomma una vera e propria colonna sonora di coloro i quali sono nati tra gli anni '50 e '60. 
Fu anche l'inviato Mr Ramengo (vedi>>) della trasmissione Altra domenica; protagonista di programmi come Odeon, Sotto le stelle, e si fece conoscere dalle giovani generazioni grazie alle strampalate incursioni tra le ballerine di Indietro Tutta, dove interpretava il personaggio di Riccardino (vedi>>).



(foto da internet)


Fu anche attore per il cinema (Il Colonnello Buttiglione diventa generale, Von Buttiglione Sturmtruppenfuhrer, Il pap'occhio, I carabbinieri, Vigili e vigilesse, Sing - Il sogno di Brooklyn) e autore di libri umoristici editi da Rizzoli quali Lo scarafo nella brodazza, Dal nostro inviato speciale, Los putanados, Stupefax e Il cuaderno delle poesie.

Renzo Arbore ha affermato che "Marenco era un un caposcuola con le sue parodie e le invenzioni esilaranti, per quanto non riconosciuto come tale, e aveva una modestia disarmante''. 



(foto da internet)

Il suo umorismo, intriso di leggerezza surreale che allontanava alla greve realtà, emerse nella geniale trasmissione Alto Gradimento. I suoi personaggi erano una caricatura intelligente, e allo stesso tempo un po' scema, dell'establishment.  Nacquero così, nei microfoni della trasmissione, i primi tormentoni cult costruiti sulle frasi dei politici.
È difficile raccontare con esattezza chi è stato Mario Marenco, uscito fuori, quasi per incantesimo, in quel mondo irreale che si propagava dalla radio negli anni '70: un umorista unico, irripetibile, surreale, che da queste pagine ricordiamo con affetto con una sua famosa poesia: L'azienda (vedi>>)

venerdì 22 marzo 2019

Tanto caro mi fu...


(foto da internet)

Il 21 marzo viene convenzionalmente considerato il primo giorno di primavera.
Da ieri si festeggia a Recanati la Giornata mondiale della Poesia con un lungo evento che va dal 21 al 24 marzo, nell'ambito delle celebrazioni per il bicentenario dalla stesura de L'Infinito di Giacomo Leopardi. 
Hanno inaugurato l'evento il ministro dell'Istruzione, università e ricerca Marco Bussetti e il critico d'arte Vittorio Sgarbi
Recanati sarà per quattro giorni un vero e proprio palcoscenico per conferenze, spettacoli, concerti, dove ragionare sul tema dell'infinito in tutte le arti: dalla letteratura, alla matematica, dalla musica all’arte. L'evento sarà animato da iniziative che vedranno protagonisti personalità del mondo della cultura al Teatro Persiani e al Museo di Villa Colloredo Mels


(foto da internet)

La Giornata mondiale della poesia è stata istituita dall'Unesco nel 1999 nel primo giorno di primavera. Il programma di iniziative fa parte di Infinito Leopardi, un evento che tra mostre, spettacoli, conferenze e pubblicazioni per tutto il 2019 approfondirà il modernissimo pensiero leopardiano. 
Gli organizzatori, il Comune di Recanati, la Città dell’infinito e il Parco Letterario Giacomo Leopardi, hanno invitato a celebrare il bicentenario dalla stesura de l’Infinito alcune personalità del mondo della cultura quali il sopraccitato Vittorio Sgarbi, e poi ancora Davide Rondoni, Remo Anzovino, Antonino Zichichi, Gianmarco Tognazzi, Francesca Merloni e Paolo Crepet tra gli altri.




(foto da internet)

Nell’ambito delle manifestazioni anche gli alunni delle scuole sono i protagonisti delle cosiddette Invasioni Poetiche: ieri, a partire dalle ore 9.00 c'è stata una disseminazione di versi accompagnata da una coreografia dedicata a Giacomo Leopardi e all‘Infinito e dal lancio di palloncini contenenti messaggi poetici battezzati col nome di versi al vento che sono stati liberati presso i Giardini Pubblici del Plesso di San Vito, il Colle dell’Infinito e le vie della città. Alle ore 10.30 c'è stata una manifestazione in piazza Leopardi, alla presenza delle classi della Scuola di Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado. 
Alle 10.45 si è organizzato un flash-mob e il lancio di una colomba con i versi dell’Infinito. Nel centro storico si è inaugurata la mostra Scatta l’Infinito, presso lo Spazio Cultura a Via Roma, a cura degli studenti della Scuola secondaria, I.C. Nicola Badaloni, accompagnata dall’esposizione nei negozi di versi in scatola, a cura delle Scuole dell’Infanzia e Primarie dell’I.C. Badaloni.



(foto da internet)

Alle 12 si è tenuto il “dialogo con l’arte”, un incontro con Vittorio Sgarbi
Oggi, 22 marzo, al Teatro Persiani, si terrà l'incontro Poesia e Musica con Davide Rondoni.
Sabato 23 toccherà al fisico Antonino Zichichi inaugurare lo spazio Dialogo sulla Scienza. Alle 21, al Teatro Persiani, sul palco insieme ci saranno Francesca Merloni e Gianmarco Tognazzi per lo spazio Letture e musica.
Sarà lo psichiatra Paolo Crepet, alle 18 di domenica 24 marzo, a chiudere la rassegna con Dialoghi sulla psiche.
Noi vorremmo festeggiare a modo nostro la Giornata della poesia con la lettura dell'Infinito di Leopardi da parte dell'indimenticabile Vittorio Gassman (ascolta>>).
Buon ascolto (e buona lettura)!

mercoledì 13 marzo 2019

Il nuovo biscotto della Nutella

Nutella lancia il suo biscotto  (ma per ora si trova solo in Francia)

(foto da www.corriere.it)


Alla stazione di Parigi Saint-Lazare ci sono già gli assaggiatori. Perché è lì che si possono scoprire, due mesi prima del debutto ufficiale sul mercato, i biscotti Nutella dove alcuni agenti promozionali vanno in giro a distribuire l’ultima novità del marchio Ferrero. La prima che riguarda Nutella, dopo il lancio di B-ready, ma che per ora riguarderà solo il mercato francese. Ferrero infatti ha scelto la Francia per testare i nuovi biscotti (croccanti fuori e cremosi dentro) e punta a un effetto sorpresa, esattamente com’è accaduto per Barilla con il lancio della crema Pan di Stelle. La settimana prossima a Lione sarà anche organizzato un evento «esperenziale»: alcuni consumatori saranno invitati ad entrare in uno spazio dedicato solo all’assaggio, ha spiegato Les Echos, e se ne torneranno a casa con un pacchetto di biscotti Nutella ancora introvabili sul mercato. Perché il lancio vero e proprio, quello ufficiale, è previsto tra due mesi. Poi addirittura Ferrero creerà una piattaforma partecipativa in cui i consumatori saranno invitati a segnalare i punti vendita in cui si potranno trovare i nuovi biscotti.

(foto da internet)
Non è la prima volta che Ferrero sceglie la Francia per testare delle novità: qui, insieme a Germania, Svizzera e Austria, ha lanciato ad esempio l’anno scorso i gelati Kinder (marchio che totalizza il 40% del giro d’affari Ferrero in Francia) in collaborazione con Unilever. E sempre in Francia Ferrero ha acquisito il biscottificio Delacre, marchio centenario di origine belga noto, tra l’altro, per gli Speculoos e la crema spalmabile da essi derivata. «Il biscotto — aveva annunciato in quell’occasione Ferrero — ci permetterà di rafforzarci sul mercato delle merendine, in cui siamo entrati con B-ready nel 2016». A distanza di pochi mesi, ecco il biscotto Nutella.



Con questo post al profumo di cioccolato, vi auguriamo Bones Falles e ci rivediamo online venerdì 22 marzo. 

lunedì 11 marzo 2019

Romanità in due valori


(foto da internet)

Secondo il dizionario, il termine romanità [derivato da romano], ha due valori: il primo, non comune,  è la qualità di romano, e cioè l’essere romano. Il secondo è l’insieme delle tradizioni che s’incentrano in Roma, in quanto considerata punto d’irraggiamento dei valori universalistici espressi dalla civiltà romana prima e dalla Chiesa di Roma poi.
L'essere romano (de Roma) è quel che ci interessa e nella fattispecie il sapere usare correttamente alcune espressioni che, via via, si sono diffuse anche al di fuori della capitale. È il caso di sti cazzi e me cojoni.
L’espressione  sti cazzi equivale all'italiano chi se ne frega. Invece, per esprimere sorpresa, in romanesco si usa l’espressione me cojoni!, con valore di mi prendi in giro, non ci credo.... 



(foto da internet)

Per chiarire il concetto ecco a voi una magistrale lezione sull'uso corretto delle due espressioni sopraccitate, tenuta dall'attore Marco Giallini (vedi>>), noto al grande pubblico per aver interpretato il commissario romano Rocco Schiavone in una serie televisiva italiana prodotta dal 2016 e trasmessa da Rai 2
La serie in questione  è tratta dalle opere letterarie dello scrittore Antonio Manzini incentrate sul personaggio immaginario di un poliziotto borderline dal carattere burbero, irascibile e insofferente alle regole. 



(foto da internet)

Rocco Schiavone, vice questore aggiunto della polizia, da tempo vedovo, viene trasferito da Roma ad Aosta per motivi disciplinari. Ritrovatosi catapultato in una realtà che mal sopporta, completamente diversa da quella in cui è sempre vissuto, porta comunque avanti il suo lavoro investigando sui crimini che sconvolgono il tranquillo capoluogo valdostano, ricorrendo sovente a metodi al limite della legalità. Presenza costante nella sua vita è il ricordo della moglie Marina, che sotto forma di allucinazione ne riempie la quotidianità.

mercoledì 6 marzo 2019

Libri di scuola da medioevo


La mamma? Stira e cucina. Il papà lavora. Polemiche sull'esercizio nel libro per le elementariMe
(foto da www.repubblica.it)

Il sole sorge, l’acqua scorre e lo scoiattolo rosicchia. E la mamma? La mamma non tramonta ma cucina e stira mentre il papà mica gracida, non è una rana: il papà lavora. E legge. Esercizio completato: ora sappiamo qualcosa di più sull’uso dei verbi nella grammatica italiana.

Risultati immagini per mamma stira papà legge
(foto da internet)

Mentre "la mamma cucina e stira, papà lavora e legge". L'esercizio sui verbi contenuto in un libro di seconda elementare (Nuvola - libro dei percorsi) scatena in Rete un diluvio di polemiche per lo stereotipo sessista nelle mansioni dei genitori immaginate dagli autori del testo scolastico: la donna è relegata in cucina mentre il papà è occupato a fare altro. A denunciare l'episodio, ancora più grave perché contenuto in un libro scolastico, è stata l'associazione culturale ConsapevolMente che sulla propria pagina Facebook ha pubblicato la foto "incriminata" presa dal libro.

La mamma stira e cucina, il papà lavora: l’esercizio sui verbi nel libro di scuola scatena la polemica
(foto da www.corriere.it)

"Facciamo un gioco: scopri lo stereotipo di genere", commentano ironicamente quelli dell'associazione che combattono da anni le discriminazioni nei confronti della donna. "Poi ci chiediamo come facciamo a cadere nella trappola degli stereotipi e ci arrovelliamo su come poter evitare che le nuove generazioni finiscano nella stessa trappola. Perché siamo tutti d'accordo che è da lì, che bisogna cominciare a lavorare, giusto? Invece no, dobbiamo renderci conto ed essere consapevoli che sarà una dura lotta, perché non è vero che lavoriamo tutti nella stessa direzione". I commenti indignati sui social si moltiplicano. Per Maria Teresa Giusti "il libro andrebbe ritirato".

Immagine correlata


Altri commentano con humor: "Se entrambi lavorano, chi le stira le camicie?", si chiede Antonino Romeo. Non è la prima volta i genitori scoprono esercizi "discutibili" sui libri di testo dei propri figli. Qualche tempo fa aveva fatto clamore il testo di una canzoncina per bambini inserita in un libro musicale dove una strofa recitava "La mamma lava, stira, cucina mentre canticchia una canzoncina. Il babbo invece gioca a pallone, fuma la pipa con il nonno Gastone". Mentre una mamma non riesce a darsi una spiegazione: "Libro di testo di mia figlia, seconda elementare, pubblicato nel 2017. Sono senza parole...".

Risultati immagini per mamma stira papà lavora
(foto da internet)

La casa editrice La Spiga si è detta «dispiaciuta per il disguido» e ha scritto al Corriere per segnalare che «avevamo già notato quanto è stato segnalato e provveduto a modificare l’esercizio nell’edizione del testo che sarà in commercio nel nuovo anno scolastico». Ha inoltre spiegato che «il senso dell’esercizio era indicare l’azione che la persona non compie e non evidenziare azioni che compie abitualmente».


Ma, insomma, sarebbe veramente il caso di aggiornare questi libri che, ormai, non rispecchiano più le famiglie odierne, visto che non è la prima volta. 

lunedì 4 marzo 2019

4 marzo 1943





4 Marzo 1943 è una canzone di Lucio Dalla, incisa nel 1971 e scritta da Paola Pallottino, figlia del più grande etruscologo italiano Massimo Pallottino, all'epoca poetessa dilettante e poi divenuta docente di Storia dell'Illustrazione al DAMS di Bologna. Presentata per la prima volta al Festival di Sanremo del 1971, insieme al gruppo Equipe 84, fu la rivelazione dell'edizione del Festival di quell'anno, dove si classificò al terzo posto e si aggiudicò il Premio della Giuria al miglior testo.





(foto da internet)


Il titolo è la vera data di nascita del compianto cantautore bolognese e narra la storia di una ragazza madre che aveva avuto un figlio con un soldato alleato che poi morirà in guerra. Il brano, prima di essere stato ammesso al Festival di Sanremo, fu oggetto di modifiche da parte della censura. Il titolo originale, era, infatti, Gesù Bambino, ma venne giudicato irrispettoso, per cui il maestro Ruggero Cini l'aveva sostituito con la data di nascita di Dalla che era, appunto, il 4 marzo 1943. Anche alcune parti del testo furono giudicate inadeguate. In particolare, la frase che concludeva il brano: e anche adesso che bestemmio e bevo vino, per i ladri e le puttane sono Gesù Bambino (ascolta>>) fu modificata con questa: e ancora adesso che gioco a carte e bevo vino, per la gente del porto mi chiamo Gesù Bambino





(foto da internet)


Il brano ottenne un successo notevole e fu interpretato in francese da Dalida, col titolo Jésus bambino, e da Chico Buarque de Hollanda, con il titolo Minha história (ascolta >>), di cui Maria Bethânia fece una bellissima versione (ascolta>>).
L'autrice del testo, Paola Pallottino, spiegò che il brano Gesù bambino voleva essere una specie di risarcimento a Lucio Dalla che era rimasto orfano all’età di sette anni. 
La copertina del 45 giri con cui fu lanciato il disco, rappresenta, in bianco e nero, il porto di Manfredonia, dove Dalla trascorreva le vacanze. Nella foto c'è una freccia che indica dove il cantautore soggiornò con la madre nella località pugliese.



(foto da internet)

Il brano appare, ancor oggi, assai lontano dai canoni del Festival di Sanremo: ha, infatti, quattro strofe uguali e un orecchiabile ritornello di violino suonato da Renzo Fontanella. La canzone fu inserita da Lucio Dalla nell'album Storie di casa mia.
A sette anni dalla morte del cantautore bolognese, vorremmo ricordarlo in questo modo.
Buon ascolto!

venerdì 1 marzo 2019

Il Volo dell'Angelo





(foto da internet)


Ci siamo! Siamo in pieno Carnevale. Ieri si è celebrato il Giovedì grasso che si chiama in questo modo perché è l'ultimo giovedì prima dell'inizio della Quaresima
In Piazza San Marco, a Venezia, si usava festeggiare, in questo giorno, un'importante vittoria: quella della Serenissima sul patriarca Ulrico, che aveva approfittato della guerra tra Venezia, Ferrara e Padova per attaccare Grado, costringendo il patriarca Enrico Dandolo a fuggire. 
Per celebrarla si stabilì che ogni giovedì di Carnevale fabbri e macellai avrebbero dovuto mozzare le teste ai tori, come metafora di liberazione dagli ostacoli. Successivamente si iniziò a celebrare questa giornata con giochi e eventi speciali, tra cui l'antecedente del celeberrimo Volo dell'Angelo



(foto da internet)


La seconda domenica del Carnevale di Venezia, si teneva il famoso Volo dell'Angelo, un evento con una tradizione molto antica e persino tragica. Infatti, verso la metà del '500, durante il Carnevale, un giovane acrobata turco riuscì, aiutato solo da un bilanciere, ad arrivare alla cella campanaria del campanile di San Marco camminando sopra una lunghissima fune che partiva da una barca ancorata sul molo della Piazzetta. Nella discesa, invece, raggiunse la balconata del Palazzo Ducale, porgendo gli omaggi al Doge.

Dopo questa spettacolare impresa, subito denominata Svolo del turco, l'evento fu richiesto e programmato come cerimonia ufficiale di apertura anche per le successive edizioni, con tecniche simili e con forme che con gli anni subirono numerose varianti.





(foto da internet)

Nel 1759 l'esibizione finì in tragedia: l'acrobata si schiantò al suolo tra la folla inorridita. Probabilmente a causa di questo grave incidente, l'evento, svolto con queste modalità, fu vietato. Da quel momento il programma si svolse sostituendo l'acrobata con una grande colomba di legno che, nel suo tragitto, partendo sempre dal campanile, liberava sulla folla fiori e coriandoli.
Lo Svolo del turco subì diverse modifiche. Per molti anni, fu fatto scendere dal campanile un uomo vestito con delle ali e legato ad una fune con anelli metallici. Veniva fatto scendere a grande velocità fino alla loggia del Palazzo Ducale. Qui riceveva dal Doge dei doni o delle somme di denaro. Da questa modifica venne coniato il nome Volo dell’angelo.
Dopo la tragica caduta del 1759, e la sostituzione dell'acrobata con una grande colomba di legno il volo fu chiamato il Volo della Colombina.



(foto da internet)




Il Volo dell’Angelo (vedi>>) fu reintrodotto nelle edizioni moderne del Carnevale di Venezia e, a partire dal 2001, il Volo della Colombina è ritornato ad essere il Volo dell’Angelo. La colomba in legno è stata sostituita da una persona, riportando in vita l’antico rito di omaggiare il Doge che proclama l’inizio del Carnevale di Venezia. Nelle edizioni recenti del Volo dell'Angelo viene scelta una donna, la vincitrice del concorso fra le cosiddette 12 Marie, per ridare vita all'antico rito. La manifestazione delle 12 Marie, rievoca, in chiave moderna, il rapimento e la liberazione di dodici promesse spose ai tempi del Doge Pietro Candiano III (1039). All’inizio del IX secolo, infatti, il 2 febbraio di ogni anno, giorno della purificazione di Maria, le dodici più belle fanciulle del popolo scelte a rappresentare la città si radunavano insieme ai loro promessi sposi nella chiesa di S. Pietro di Castello per ricevere la benedizione nuziale. 

mercoledì 27 febbraio 2019

Leonardo, il genio di tutti i tempi

(foto da internet)

Un genio instancabile, un talento universale, una mente agitata sempre in movimento. È stato artista, architetto, naturalista, stratega militare, ingegnere. Ma più di tutto è stato un osservatore: la natura ha ispirato i suoi progetti fantastici e lo ha spinto costantemente alla ricerca di nuove scoperte, appuntate in una miriade di schizzi e disegni. Nel 500esimo anniversario della sua scomparsa, Leonardo Cinquecento ripercorre, con immagini in 8K, le opere e l'eredità scientifica di Leonardo da Vinci. Il documentario di Francesco Invernizzi - inserito del palinsesto ufficiale del Comune di Milano per le celebrazioni della ricorrenza Milano Leonardo 500 - è il quarto appuntamento della stagione L'arte al cinema, in sala dal 18 al 20 febbraio distribuito da Magnitudo Film con Chili.

Risultati immagini per leonardo cinquecento
(foto da internet)

Il film si apre con le immagini della Gioconda, quel sorriso enigmatico e misterioso che non ha mai smesso di sollevare domande, ma che viene considerato il punto d'arrivo dell'opera di Leonardo, il riassunto perfetto della sua storia iniziata nel 1452. Da qui parte il viaggio che fa tappa a Firenze, alla bottega di Verrocchio, per spostarsi poi alla corte di Ludovico il Moro, passando dalla pittura alla scienza, dalla tecnica all'architettura. Leonardo Cinquecento ricompone le migliaia di pagine dei Codici Leonardeschi mettendo a confronto l'ingegno e le sue intuizioni con le applicazioni contemporanee del suo immenso lavoro, con il contributo di storici, ingegneri e tecnici.

(foto da internet)

A Firenze Leonardo respira le novità del Rinascimento, spiega Paolo Mazzarello, professore di Storia della medicina all'università di Pavia, soffermandosi sulla novità dei suoi disegni: "Parlano, comunicano, ci mettono di fronte alla realtà naturalistica in maniera diretta, è qualcosa di nuovo che nasce nella scienza". Antonio Natali, direttore emerito del museo degli Uffizi, racconta il lavoro alla bottega del Verrocchio. Lo storico dell'arte Claudio Giorgione spiega invece il celebre Uomo vitruviano"È un semplice ed efficace commento a uno dei trattati antichi più studiati, il trattato di architettura di Vitruvio, in cui l'architetto romano mette in relazione le proprorzioni dell'uomo con quelle di un perfetto edificio".

Risultati immagini per leonardo cinquecento milano corriere della sera
(foto da internet)

A Milano, dove si trasferisce nel 1492, Leonardo diventa famoso come pittore di corte ma volendo ampliare il suo raggio d'azione, usa il disegno per fantasticare e progettare fossati, canali, bastioni, strade, macchine da guerra. Tra le mura del castello sforzesco immagina Milano come una città ideale, a misura d'uomo, come spiega l'architetto Stefano Boeri: una città disposta verticalmente in più strati sovrapposti (in alto le residenze, poi la vita civile e più in basso il transito di merci e servizi) ma i suoi progetti rimangono sulla carta perché non ci sono macchine in grado di realizzarli. Molti secoli dopo il traffico è diventato sotterraneo e il sogno di Leonardo si è realizzato. All'alba del ventesimo secolo è stato sodddisfatto anche il bisogno di alzarsi da terra, che lui aveva immaginato attraverso un aliante e la vite aerea.

Risultati immagini per leonardo cinquecento trailer
(foto da internet)

Per tutta la vita Leonardo non ha mai smesso di cercare in ogni campo di scienza e disciplina: una ricerca "inquieta e insoddisfatta" spiega Massimo Cacciari, descrivendo la mente e il pensiero del genio come una "natura agitata". Il lungo viaggio si chiude lì dove era iniziato, sul volto della Monna Lisa, potente, misteriosa e sensuale: "rappresentazione perfetta della natura, armonia tra uomo e universo, una sete di sapere mai sazia e che mai dovrà esserlo".

lunedì 25 febbraio 2019

Buon compleanno Negroni!



(foto da internet)

Siamo a Firenze, nel 1919: un aristocratico fiorentino, il conte Camillo Negroni, si reca al Caffè Casoni, in via de' Tornabuoni, per l'aperitivo. Il Nostro, stanco del solito Americano (Vermouth rosso e bitter), chiede al barman, Fosco Scarselli, una spruzzatina di gin in sostituzione del seltz, a ricordo degli ultimi viaggi londinesi.
Nacque così il Negroni, uno dei pochi cocktail italiani famosi internazionalmente. Il cocktail piacque subito e ricevette un nome perifrastico: "l'Americano alla maniera del conte Negroni", un po' troppo lungo e impreciso. Più tardi prese, giustamente, il nome dell'inventore: Negroni. Facilissimo.
Il cocktail in questione è un mix di gin e vermouth rosso, dal colore caldo, fresco in gola, semplice da preparare; un alleato perfetto per gli aperitivi e per i cocktail tra amici.
Il Negroni si è talmente diffuso da avere, attualmente, un incredibile numero di fan. Sul Negroni si scrivono libri, si tengono convegni per illustrare dei piatti che hanno il drink come protagonista, e si è costituito un Club che organizza periodici raduni internazionali.
Inoltre, il cioccolatiere Paolo Montanelli ha lanciato i cioccolatini ripieni di Negroni, bocconi fondenti che appena morsi inondano la bocca dell'aromatico drink.



(foto da Internet)


Sono passati 100 anni: in mezzo c'è stata una guerra mondiale, il fascismo, i ribaltoni politici, le crisi, le nuove tecnologie e i gusti degli italiani sono cambiati. Il Negroni, però, agguanta. Ha travalicato le mode e si è consacrato col passar del tempo. Oltre alla ricetta tradizionale, il cocktail è stato rivisitato in vari modi: ad esempio, Mirko Stocchetto, al Bar Basso, nel lontano 1972, grazie ad uno sbaglio, creò il celebre Negroni Sbagliato. Al posto del gin, versò lo spumante. Se vi fermate, ancor oggi, in via Plinio a Milano, scoprirete che nulla è cambiato.


(foto da internet)

Ma come si prepara il Negroni? Ecco gli ingredienti della ricetta classica:
Ingredienti: bicchiere pieno di cubetti di ghiaccio, 1/3 di Gin, 1/3 di Vermouth Rosso, 1/3 di Bitter Campari, mezza fetta di arancia.
Procedimento: mettere 2-3 cubetti di ghiaccio nel bicchiere (ideale un tumbler basso) pre-raffreddato e aggiungere gli altri ingredienti. Mescolare bene con l'apposita asticella e guarnire con la mezza fetta d'arancia.

Salute!

venerdì 22 febbraio 2019

Renzo Piano, Carlos Saura e la luce



(foto da internet)


Carlos Saura è un regista spagnolo, noto per film quali  Frappé alla menta (1967), che vinse al Festival di Berlino l'Orso d'argento, Lo stress è tre, tre (1968), Anna e i lupi (1973), e, in special modo, per la pellicola  Cría cuervos, che nel 1976 vinse a Cannes il premio speciale della giuria. Con Mamà compie 100 anni (1979) ricevette una nomination all'Oscar al miglior film straniero. Saura ha dedicato alcuni suoi film alla danza, quali Bodas de sangre - Nozze di sangue del 1981, Carmen Story del 1983, L'amore stregone del 1986, Flamenco del 1995 e Tango del 1998.
Nel 2016 girò un documentario sull'architetto italiano Renzo Piano, intitolato Renzo Piano, an architect for Santander (vedi>>).

Il regista e l'architetto, entrambi appassionati dei loro mestieri, innamorati della luce come strumento di creazione artistica, sono paladini convinti della missione civile della professione e si definiscono come due animali in via di estinzione



(foto da internet)

Il film parte dalla realizzazione del Centro Culturale Botín di Santander, in Spagna, ed esplora il processo creativo del grande architetto offrendone un ritratto inedito dove Piano si racconta a partire dall'infanzia vissuta nei cantieri del padre costruttore, passando per la passione per il cinema (l'incontro con Roberto Rossellini), la letteratura (Italo Calvino) arrivando a fornire la sua visione dell'architettura: "Questo tipo di bellezza può salvare il mondo. È un'utopia, ma cos'altro possiamo fare?".
Per Carlos SauraRenzo Piano è un grandissimo artista, il cui suo pensiero è in costante evoluzione. L'architetto, che da sempre si occupa di edifici con un ruolo culturale e sociale importante: il Centre Pompidou, l'Auditorium di Roma o il Los Angeles County Museum of Art, crede fortemente alla centralità della cultura, e al fatto che l'arte possa effettivamente cambiare il mondo.



(foto da internet)

Il punto di collegamento tra il lavoro dei due artisti è senza dubbio la luce che per Piano è il materiale di costruzione più importante: più dell'acciaio, del cemento e del vetro, e per Saura è alla base del suo lavoro. E per il regista è la stessa cosa: il cinema è fatto di luce e di controllo della luce.
La narrazione, in presa diretta, delle fasi della costruzione del Centro Botín, da parte di Renzo Piano, diventa così riflessione sul processo creativo, per giungere alla conclusione che l’arte, sia essa cinema o architettura, non è un atto prevedibile.