lunedì 21 gennaio 2019

Che cosa succederebbe se...







(foto da internet)

In Grammatica della fantasia, lo splendido libro di Gianni Rodari, c'è un capitolo dedicato alla tecnica delle ipotesi fantastiche. Lo scrittore si chiede: Che cosa succederebbe se un giorno un uomo si risvegliasse trasformato in scarafaggio?, ed ecco che Kafka scrive Metamorfosi. Niente male...

La tecnica fantastica consiste nel prendere un soggetto (ad esempio: Milano) e un predicato (circondato dal mare); e quindi avremmo: Che cosa succederebbe se Milano si trovasse circondata dal mare? E qui ci possiamo sbizzarrire a piacimento. 


(foto da internet)

La parte più divertente di questo processo è, secondo Rodari, la formulazione della domanda. Per mantenere il divertimento, lo scrittore consiglia di coinvolgere l’esperienza personale dei bambini così da permetter loro un approccio insolito a una realtà già carica di significato. Questo permette di rileggere la realtà con occhi nuovi; secondo lo scrittore italiano, infatti, nella realtà si può entrare dalla porta principale o infilarvisi – è più divertente – da un finestrino.





(foto da internet)

Anni dopo la pubblicazione del testo sopraccitato, il comico Natalino Balasso, di cui abbiamo già parlato in questo blog, ha riformulato l'ipotesi fantastica (alla Rodari) e si è chiesto: 

che cosa accadrebbe se governasse davvero il popolo?
La sua risposta la potete trovare qui (>>). 
Orbene, a noi sembra che tale ipotesi non sia poi così fantastica e che, purtroppo, la realtà si sia ormai mascherata da finzione... 

venerdì 18 gennaio 2019

La Fócara di Novoli


(foto da internet)


La grande venerazione per Sant’Antonio Abate si celebra, in Italia, il 17 gennaio, con numerosi eventi in suo onore, a ricordo della sua morte, dalla Lombardia alla Sicilia. Eppure il santo non ebbe alcun legame con il nostro Paese: fu, infatti, un eremita egiziano, vissuto nel IV secolo dopo Cristo, a cui si deve l’inizio del cosiddetto monachesimo cristiano, ovvero della scelta di passare la vita in solitudine per ricercare una comunione più intensa con Dio. Evidentemente bastò questo primato per diffondere il culto in tutta Europa, a cui si aggiunsero, nel tempo, molti tratti popolari.
Fin da epoca medievale, Sant’Antonio viene invocato in Occidente come patrono dei macellai, dei contadini e degli allevatori e come protettore degli animali domestici; questo, forse, perché dal maiale gli antoniani (i seguaci di Antonio) ricavavano il grasso per preparare emollienti da spalmare sulle piaghe. 



(foto da internet)

Sant'Antonio, dice la tradizione, era anche un taumaturgo capace di guarire le malattie più atroci. E poi, c’è la credenza popolare che vuole che il santo aiuti a trovare le cose perdute. Al nord si dice Sant'Antoni dala barba bianca fam trua quel ca ma manca e al sud Sant'Antonio di velluto, fammi ritrovare quello che ho perduto
Sant'Antonio è anche il santo del fuoco. A Novoli (vedi>>), in Puglia,  il 16 e il 17 gennaio, si tengono delle interessanti manifestazioni che richiamano migliaia di visitatori e pellegrini, in una festa che affonda le proprie radici nell'antica venerazione dei novolesi per il Santo del fuoco.



(foto da internet)

In paese si allestiscono delle fócare (dei  falò), che, un tempo,  si iniziavano il 17 dicembre, esattamente un mese prima della festa. Tra i vicoli del paese girava un carretto, condotto da un ragazzo, che raccoglieva legna secca, rami d'alberi, tralci di vite legati in fasci, ma anche oggetti combustibili in disuso, rovinati o rotti che contadini, proprietari terrieri o semplici cittadini offrivano in devozione al santo. 
Legate alla fócara ci sono la benedizione degli animali e la processione. La cultura popolare, infatti, attribuisce a Sant'Antonio la facoltà di proteggere tutti gli animali da stalla e da cortile. Il santo, infatti, secondo la leggenda, fu un porcaro e nell'iconografia è rappresentato con accanto un maialino e con in mano un bastone con un campanello, utile per richiamare gli animali. 
In passato, a Novoli, si teneva anche la distribuzione da parte del parroco dei cosiddetti panini di S. Antonio: sul sagrato della chiesa i panini venivano consegnati ai contadini e agli allevatori, e si davano agli animali malati, i quali, nella maggior parte dei casi, guarivano! 


(foto da internet)

Attualmente, la processione in onore a Sant'Antonio, che si tiene subito dopo la benedizione degli animali, viene salutata da artistiche bengalate e lancio di palloni aerostatici. La fine della processione porta al momento culminante della festa con la fócara, il simbolo più conosciuto della festa del fuoco.
La costruzione della fócara inizia il 7 gennaio, anche se la raccolta del materiale da ardere ha già inizio nel mese di dicembre. In media una fócara ha circa venti metri di diametro per altrettanti di altezza.
Oggigiorno la fócara si allestisce con i fasci di vite ed essa può assumere forme diverse: ci sono le fócare piramidali, a torta, con la galleria, con oblò e pinnacoli.



(foto da internet)

Per la costruzione di una fócara occorrono circa cento persone abbastanza abili per restare ore in piedi sui pioli delle lunghe scale e per passarsi, al di sopra della testa, i fasci, che poi, giunti in cima, vengono sistemati perfettamente dal costruttore del falò. 
Sulla cima viene issata un'artistica bandiera, sulla quale vi è un'immagine del santo e che successivamente brucia insieme al falò. L'onore dell'accensione del falò spetta al presidente del comitato della fócara o al Sindaco. L'accensione avviene attraverso una fiaccolata; una volta accesa, la fócara arde per tutta la notte tra le migliaia di persone che, tra musica popolare e fumi di arrosti delle bancarelle presenti in piazza, assistono allo spettacolo delle faville che volano nell'aria. 
In onore al santo, i novolesi, il 17 gennaio, pranzano a base di pesce e si astengono dal mangiare carni e latticini. I piatti tipici del giorno sono gnocchi in zuppa di baccalà o di pesce, scapece (pesce condito con zafferano, pangrattato e aceto), frutti di mare, dolci delle festività natalizie, tutto accompagnato dal moscato o dal rosolio locale.
Buon viaggio!
 

mercoledì 16 gennaio 2019

Alla scoperta della città dei sassi


img_16
(foto da internet)

Qualche tempo fa una fiction, adesso alla scoperta della capitale europea della Cultura è la volta di un libro, perché i sassi hanno emozioni: "I sassi hanno una doppia valenza: destabilizzano come l'amore e sono come i cuori dei miei protagonisti. La prima volta che li vedi non ci credi, il magnetismo del Mediterraneo rupestre ti rapisce e ti fa innamorare di loro. E i sassi dormienti sono come i cuori dei miei protagonisti che tornano a battere, a danzare"

image

(foto da internet)

Quel battito è il ritmo che si ascolta lungo tutta  "La Ballata dei Sassi" (Sperling & Kupfer, , romanzo del giovane scrittore, fotografo e artista Carlos Solito. Un libro che parla di scelte, d'amore per la propria terra, di poesia e silenzi, ritorni e sorrisi che non "potranno cambiare mai", ma soprattutto di Matera, cittadina del Sud, di  tutte "quelle contrade, quei borghi fantasma" che compongono "la bellezza dell'assenza" racconta Solito,  scrittore nato a Grottaglie in provincia di Taranto, che dopo il successo di Sciamenesciá (2016) da cui sarà tratto un film torna in libreria a pochi mesi dalle celebrazioni di Matera capitale della cultura 2019. 

Risultati immagini per cristo si è fermato ad eboli

(foto da internet)

L'amore per Matera, per il tufo, per quei paesaggi di "Cristo si è fermato a Eboli" intaccano ogni pagina di un romanzo dove l'autore lascia come sassolini tante tracce della sua vita, fatta di "carne, ossa, vuoti" raccolti nei paesi dove è cresciuto. 

La Ballata è l'incrocio di due storie, quella di Ettore, esperto di finanza,  poeta cresciuto fra i sassi a pane (o meglio dolci, quelli dei forni paradisiaci) e semplicità, che a 40 anni dopo una vita passata a viaggiare, accumulare esperienze e  lasciare piccoli versi su bigliettini incastrati negli anfratti delle città affinché altri possano fruirne, ha la mancanza dei silenzi in cui è cresciuto. Lo stesso viaggio lo compirà Maria, cuore pietrificato da un amore perduto, direttrice editoriale cresciuta al Nord ma destinata, per inseguire il suo battito, a ritrovarsi fra i Sassi e incontrare l'amore. 


Risultati immagini per ballata dei sassi solito
(foto da internet)

È un ode a un luogo, quello che nell'anno a venire celebrerà la Cultura d'Italia, che "50 anni fa era la vergogna del Paese ed oggi è il simbolo della bellezza e dei silenzi. I calanchi, i paesini, le grotte, hanno il valore aggiunto della lentezza, del silenzio. E' così difficile arrivare in Basilicata - dice l'autore -. Il nostro hub rimane Bari, è da lì che ci si sposta per Matera. Perché Matera rimane un posto ai margini, è un luogo dove arrivare è scomodo, dove devi ridurre le marce, per entrarci non puoi andare alla stessa velocità di Roma o Milano: ecco, è un luogo di lentezza, che come l'assenza è il lievito madre dei nostri paesaggi. Serve l'assenza, il silenzio per contemplare un'opera d'arte: lo stesso vale per i Sassi di Matera"

 Risultati immagini per basilicata
(foto da internet)
Nel romanzo, che scorre fra le vicissitudini di un gruppo di ragazzini cresciuti nelle grotte e ora adulti, fra i profumi dei dolci della Basilicata e i campi di grano, c'è infatti spesso un racconto con dettagli geografici, dato dall'impronta di un autore-reporter.  
Dettagli che si trasformano in riferimenti storici, come per quel  "bisogno che è diventato un sogno. Nelle cave che oggi milioni di visitatori osservano a Matera c'è tutto il sudore e la sofferenza di uomini e donne che scavarono per ottenere le loro case, i loro rifugi. Quelle fatiche oggi ci hanno dato un luogo incredibile da contemplare, i Sassi"


img_14
(foto da internet)

Perché in qualunque luogo della Ballata e della Basilicata chiunque possa rivivere l'emozioni sprigionate dai sassi: "Vento in faccia, a superare pietre incerte, tappeti di rosmarino e uno due e tre salti fino all’ultimo centimetro di terra prima del vuoto assoluto, prima del grande spettacolo della Gravina".


domenica 13 gennaio 2019

Omaggio a De Andrè

"Cantata anarchica", un concerto in piazza Duomo per ricordare De Andrè Eventi a Milano


(foto da internet)

L'11 gennaio si tiene a Milano, da alcuni anni, in piazza del Duomo, una cantata anarchica in memoria di Fabrizio De Andrè, scomparso l'11 gennaio del 1999. Quest'anno, a venti anni dal giorno della morte, è stato organizzato un concerto, aperto a chiunque, che è durato fino a tarda notte, sul sagrato della Cattedrale, con chitarre, fisarmoniche, flauti, violini, cajón, djembè, mandolini, bouzouki, kazoo . 
Poco lontano dalla cantata si è tenuto un altro evento per ricordare Faber. In piazza San Fedele è stata organizzata, la ballata per De Andrè dalla Mazurka Klandestina, e durante la serata si sono suonati i brani del cantautore genovese per permettere a tutti di ballare sulle sue note. 




(foto da internet)

Le iniziative in omaggio a Fabrizio De Andrè sono cominciate nell'ambito di Umbria Jazz Winter #24, manifestazione musicale che, da anni, si tiene ad Orvieto. Oltre al cantautore genovese, nell'edizione del Festival jazz di quest'anno si è voluto rendere omaggio a un altro grande della musica italiana: Lucio Dalla, scomparso nel 2012.
Brani quali L’ultima luna, Anna e Marco, La sera dei miracoli, Caruso, Ho visto Nina volare, e poi ancora Il pescatore, La canzone dell’amore perduto, Don Raffaèhanno (ri)visitato il Teatro Mancinelli di Orvieto. Il progetto legato ai due cantautori s'intitola Le Rondini e la Nina ed è stato uno dei fiori all'occhiello di Umbria Jazz Winter# 24, dedicato a due artisti che il jazz lo hanno suonato, chi più (Dalla) chi meno (De Andrè, da giovanissimo) e che del jazz restarono sempre innamorati. 


(foto da internet)

Le canzoni dei due autori italiani sono state rivisitate dal trombettista Paolo Fresu, dal sassofonista Raffaele Casarano, da Gaetano Curreri e Fabrizio Foschini, rispettivamente voce e leader degli Stadio e tastierista collaboratore della band emiliana. 
Per ricordare, a modo nostro, Faber e le sue indimenticabili canzoni, vi proponiamo il brano La canzone di Marinella, interpretato da Paolo Fresu e da Danilo Rea (ascolta>>), e 
e la canzone Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers (ascolta>>), scritta da De Andrè con l'amico fraterno Paolo Villaggio, il quale diede al cantautore genovese il soprannome di Faber, in omaggio a quei pastelli che tanto amava.


venerdì 11 gennaio 2019

Alex Zanardi



(foto da internet)


Alessandro (Alex) Zanardi è  un pilota automobilistico e maglia azzurra nell’handbyke paralimpicoSin da piccolo manifestò la passione per i motori e dopo una carriera di successo nel mondo delle auto da corsa, perse entrambe le gambe nella gara di Lausitzring, in Germania, nel 2001, in cui la sua vettura, probabilmente per la presenza di acqua e olio in pista, fece un testacoda e venne investita dal pilota Alex Tagliani. Nell’impatto l'auto di Tagliani colpì perpendicolarmente il bolide di Zanardi all’altezza del muso, spezzandolo in due. 

Lo schianto gli provocò l'amputazione di entrambi gli arti inferiori e rischiò di morire dissanguato. Dopo sei settimane di ricovero, e una quindicina di operazioni subite, Zanardi lasciò l’ospedale per cominciare il processo di riabilitazione.
Dopo l’incidente iniziò a partecipare a varie manifestazioni per atleti disabili e intraprese una nuova carriera sportiva nel paraciclismo, nella specialità di handbike. Vanta ben 8 titoli mondiali e alle Paralimpiadi di Londra del 2012 conquistò 2 medaglie d’oro e una d’argento nella staffetta a squadre miste.




(foto da internet)

Ai Mondiali di Nottwill del 2015, in Svizzera, Zanardi salì sul primo gradino del podio in tutte le gare a cui prese parte: nella crono, nella prova in linea e nella staffetta.
Nel 2016, vinse la Maratona di Roma, aggiudicandosi la gara nella categoria handbikes con il tempo record di 1:09’15”.
È stato ed è tutt'ora un esempio di volontà. Ha affermato che "la vita è come il caffè: puoi metterci tutto lo zucchero che vuoi, ma se lo vuoi addolcire devi girare il cucchiaino. A stare fermi non succede niente". L'anno scorso, a 52 anni, decise di ritornare in pista, in una competizione di livello mondiale: Zanardi corse a Misano, nell'unica tappa italiana del DTM in programma nell'agosto scorso con una BMW M4 DTM adattata alle sue esigenze.




(foto da internet)


Il prossimo 26 gennaio, prenderà parte alla 24 ore di Daytona accanto a grandi piloti quali Fernando AlonsoJuan Pablo Montoya e Rubens Barrichello.

Zanardi è davvero un personaggio straordinario e popolare, sia in Italia che all'estero. La sua vita e il suo esempio, la sua grande umanità e il forte ottimismo, ispirano forza a milioni di persone. 
A lui è dedicata la stupenda canzone T'insegnerò a volare (vedi>>) scritta da Roberto Vecchioni (cantata a duo con Francesco Guccini), inclusa nell'album L'infinito, l'ultimo lavoro del cantautore milanese.

mercoledì 9 gennaio 2019

Tassa di sbarco


Risultati immagini per venezia tassa di sbarco
(foto da internet)

Venezia non sarà più gratis per i vacanzieri "mordi e fuggi". A mettere un "prezzo" al capoluogo lagunare, per chi si ferma solo una giornata e non dorme in albergo nella Serenissima, ci penserà la "tassa di sbarco", un contributo, alternativo all'imposta di soggiorno, che il Comune potrà chiedere a chi arriva "con qualunque vettore" (nave, treno, forse auto) nella città antica. 

Risultati immagini per venezia tassa di sbarco
(foto da internet)


Il “contributo di sbarco” esiste già da alcuni anni e fu pensato per ovviare ai problemi dell’imposta di soggiorno, quella che quasi tutti i turisti si trovano a pagare in vacanza quando prenotano un albergo: un piccolo sovrapprezzo (non superiore ai 5 euro, spesso inferiore ai 2,50 euro a notte) che gli albergatori delle località turistiche versano poi integralmente ai comuni, che usano i fondi raccolti per investimenti legati al turismo. L’idea dietro l’imposta era far partecipare anche i turisti al pagamento delle spese per i servizi della città – la raccolta dei rifiuti e la pulizia delle strade, per esempio – di cui di fatto usufruivano gratuitamente. La tassa di soggiorno, però, viene pagata solo da chi pernotta in un certo comune, e non da chi quel comune lo visita in una giornata: un tipo di turismo – spesso chiamato “mordi e fuggi” – molto comune a Venezia.

Risultati immagini per venezia tassa di sbarco

(foto da internet)


Riguarderà solo i turisti, non chi lavora, studia o si ferma poche ore per motivi professionali. L'obiettivo è chiaro: far pagare un contributo a chi usa i servizi di Venezia, ma si porta il panino da casa e se ne va alla sera senza lasciare un euro. Chi pernotta in hotel, infatti, versa già 30 milioni l'anno con l'imposta di soggiorno. 
La norma è prevista dal comma 1129 del maxiemendamento alla Legge di bilancio, approvata dalla Camera.


Risultati immagini per venezia tassa di sbarco
(foto da internet)

Tra i destinatari anche i passeggeri delle grandi navi da crociera. Anche se l'ipotesi è che la nuova tassa di sbarco per Venezia funzioni con sostituto d'imposta: a pagare, come sovrapprezzo sui biglietti, dovrebbero essere le compagnie che fanno servizio di trasporto a fini commerciali in arrivo a Venezia. 

Risultati immagini per venezia tassa di sbarco
(foto da internet)


Secondo le prime stime, dalla nuova tassa potrebbe maturare un gettito annuo tra i 40 e 50 milioni di euro. Una cifra , peò, tutta da verificare, per eccsso o per difetto, computabile solo quando verrà emanato un regolamento sulle modalità e le categorie oggetto del contributo. 
L'imposta di soggiorno pagata oggi da chi dorme nelle strutture ricettive veneziane genera invece oltre 30 milioni di euro l'anno, 33 milioni il dato del 2018. 

lunedì 7 gennaio 2019

Rome is more (?)



(foto da internet)

Una volta Roma era caput mundi, oggi, con l'arietta che tira, ci si accontenta del più prosaico Rome is more, una pagina che alcuni giovani romani hanno creato su Facebook e che vuol essere un dizionario della romanitàVi si possono trovare modi di dire, slang e frasi in dialetto che vengono tradotte in inglese in senso letterale, con tanto di pronuncia corretta e spiegazioni pragmatiche su quando e come usarle. 
Il risultato è divertente: si va da nerdare (giocare ai videogiochi),  salire il crimine (arrabbiarsi moltissimo), acchittarsi (vestirsi bene),   essere una ceppa (essere brutto/a).  E poi ancora averci la strizza (avere paura), averci l'abbiocco (essere stanco, spossato),  mobbasta (ora basta!), se lallero (sì, certo, ma usato in senso ironico), che gianna! (che vento gelido!) e il noto daje! (dài! Forza!).



(foto da internet)


Questi fenomeni linguistici sono da collegare al cosiddetto giovanilese, cioè un italiano zeppo di parole e locuzioni filtrate dalle varietà di lingua parlate originariamente soltanto dai giovani. Circa vent'anni fa la studiosa Augusta Forconi incluse, nel suo Dizionario dello «slang» italiano, il termine figata, che definì come "cosa, situazione, fatto, ecc. riusciti bene, che piacciono molto, che danno eccitazione, emozione, divertimento. Es.: la festa di ieri è stata una gran figata", considerandolo esclusivamente connotato in senso generazionale. Ma oggi si potrebbe dire che il termine figata è una parola di esclusivo ambito giovanile? Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un consistente travaso dal linguaggio giovanile all'italiano colloquiale e ad un fenomeno nuovo: i giovani non abbandonano più il loro vocabolario quando diventano meno giovani, ma sempre più lo adottano anche le persone d'età più avanzata. 


(foto da internet)

Il linguaggio giovanile influisce direttamente sulla lingua italiana con l'immissione di elementi nuovi che tendono a perdere col tempo la marcatezza diagenerazionale. È il caso del sopraccitato figata
Un altro elemento del linguaggio giovanile è il cosiddetto parlar comodoso: si rafforzano tendenze già presenti nell'italiano contemporaneo. Il suffisso -oso, ad esempio, di lunga e tradizionale produttività. Se ne fa un uso abbondante, rafforzato anche dalla ripresa della pubblicità televisiva (scattoso, risparmioso, comodoso, sciccoso) che esercita un influsso crescente sui giovani e ne promuove la frequenza d'uso anche nell'italiano non marcato generazionalmente. 



(foto da internet)

Parimenti, vanno ricordati una serie di fenomeni presenti nel linguaggio giovanile, spesso caratterizzati da intenti espressivi o espressivo-ludici: 
a. Prelievi da linguaggi settoriali, come il lessico dell'informatica e della rete: un bit (un attimo), è stato un floppy (è andata male); 
b. Tendenza a creare serie parallele di anglicismi, ispanismi e latinismi che coabitano con le corrispondenti forme italiane: boy - ragazzo (fidanzato), girl - ragazza (fidanzata), hola (ciao, salve), domus (casa); 
c. Tendenza a creare ibridi e pseudo-anglicismi, pseudo-ispanismi: paninaro, drugatero (tossico); 
d. Uso di ideofoni americanizzanti, prelevati dal mondo dei fumetti (yum, slurp, smack, gasp); 
e. L'uso di slogan, riciclando tormentoni lanciati in tv dagli spot pubblicitari o dai comici, con un effetto di parlato stereotipato. 
f. Organizzazione sintattica caratterizzata da frammentazione e ricorso a particelle deittiche che hanno valore di rafforzamento ed enfatizzazione (non è che...; no, niente).
Si sta affermando, in certe situazioni comunicative, un italiano sub-standard caratterizzato da informalità e crescente espressività; esso è sempre meno marcato da differenze di strato sociale e dall'influsso dialettale e locale. 



(foto da internet)

Un gruppo di studenti della facoltà di Scienze della Comunicazione della Lumsa ha raccolto più di 500 nuove parole in un libro dal titolo Bella cì! Piccolo glossario di una lingua sbalconata. I ragazzi di oggi non si amano ma “si lovvano”, non fumano una sigaretta ma “un drummino”, quando litiganoflammano” e se gli piace una ragazza sono “charmati”. E ancora: "rinco" significa imbecille"smella"  cattivo odore, puzza"a palla de foco" velocemente e "ma che ne sanno i 2000" indica l’ignoranza di coloro i quali sono nati nel XXI secolo