martedì 5 dicembre 2006

Intrusi nel Presepe


In piena disputa tra panettonisti e pandoristi dei Blog d'italiano di Sagunt e Quart, ricordiamo un'altra tradizione natalizia, tipica della città di Napoli: il presepe. Infatti, il Natale napoletano, nonostante l'albero, conserva tutt’oggi alcuni aspetti tipici della tradizione partenopea che ruotano attorno a due simboli: il presepe ed il menù natalizio.
Le celebrazioni natalizie cominciano ufficialmente l’8 Dicembre, festa dell’Immacolata Concezione, e terminano il 6 Gennaio, giorno della Befana, in cui gli addobbi natalizi vengono messi via.
L'8 si inizia l'allestimento del presepe: dal ripostiglio si tira fuori la "base" dell'anno precedente (uno scheletro di sughero e cartone poggiato su una tavola di legno) e si discute in famiglia l'ampliamento dell'anno in corso: "Magari si può aggiungere il ruscelletto con l'acqua e qualche pastorello..."
Il presepe napoletano "o' Presebbio" , insieme agli zampognari, alla tombola ed al menù del 24 dicembre, è uno dei simboli più intensi della tradizione natalizia. Al di là dei simboli religiosi, il presepe è amato da tutti, anche da persone poco osservanti o dichiaratamente laiche. Perché il presepe napoletano è il luogo dove sacro e profano, spiritualità e vita quotidiana, preghiera ed ironia convivono, come solo a Napoli, città delle contraddizioni, è possibile.
Oggi, però è ancora 5 dicembre, e che ne dite se, mentre aspettiamo l'8 per allestire il vero presepe, immaginiamo un presepe con illustri pastori della vita politica e sociale?
(Foto da Internet)

20 commenti:

Pere ha detto...

Aznar come pastore

rma-ex ha detto...

Nel mio paesino,il presepe è anche uno dei simboli della tradizione natalizia,ma è vero che l'albero e Papá Noel ogni giorno guadagnano più adepti suprattutto fra bambini
e giovani

Anonimo ha detto...

Credo di ricordare che il Presede Napolitano è una impronta lasciata dai Spagnoli oltre ai monumenti archittetonici all'epoca dei Borboni (Regno delle Due Sicilie)
Alberto

Vicente ha detto...

Capo pastora: Esperanza Aguirre

Sergi ha detto...

Capra: Putin

dodo ha detto...

fruttivendola (mele e pere): ana botella

Julio ha detto...

veditore di tappeti: Zaplana

Lola ha detto...

Bue: Rajoy
Asino: Acebes
Bottegaio: Solbes o Prodi
Sindaco: Julián Muñoz
Aiutante del dindaco: la Pantoja

Jordi ha detto...

Asino: Camps

Julio ha detto...

Venditore di tappeti: Zaplana

Artur ha detto...

El caganer: Bush

Anonimo ha detto...

ECCOLO: http://www.lavozdegalicia.es/se_sociedad/noticia.jsp?CAT=105&TEXTO=5346683

Sonia ha detto...

Maria: Rita Barberá
Giuseppe: Rubalcaba

Nacho ha detto...

Reyes magos: Zapatero, Otegi, Imaz

asun ha detto...

Cammelli: Blair, Aznar e Bush

MArio ha detto...

Venditore di vino: Solbes

Miguel ha detto...

zampognaro: Rajoy

Peki ha detto...

Gesú bambino: Miguel Bosé

Isabel ha detto...

Venditore di acqua: Dr. Fuentes

Manu ha detto...

In ritardo. Falegname: Caldera
Fabbro: Ronaldinho
Venditore di frutta: Rita Barberá