giovedì 1 febbraio 2007

A proposito di donne... arriva lo sciupafemmine


L’Italia è ormai una proiezione televisiva: la coppia Berlusconi-Lario va in crisi dopo la serata dei premi dello spettacolo Telegatti (organizzata dalla berlusconiana rivista settimanale TVSorrisi e Canzoni).
Veronica Lario, moglie dell’ex-premier, ha deciso di pubblicare una lettera sul quotidiano “La Repubblica”, per esigere pubbliche scuse dal marito, in reazione alle affermazioni del suo consorte nel corso della cena di gala che ha seguito la consegna dei premi, dove, rivolgendosi ad alcune delle signore presenti, si è lasciato andare a considerazioni quali: " ... se non fossi già sposato la sposerei subito" o "con te andrei ovunque".
Il magnate italiano non è nuovo a questo tipo di asserzioni, infatti sono celebri le sue innumerevoli battute che evincono il Berlusconi-pensiero sulle donne, alla luce del quale vanno pertanto lette tutte le gaffe celebri e meno celebri dell’ex primo ministro: da quella sulla presunta relazione della moglie con Massimo Cacciari, alla 'confessione' sulla 'seduzione' della premier finlandese etc.
Ma che succede? Nonostante l’inverno, il clima è quello del gossip estivo. E’ il miglior reality della stagione? E’ un punto di svolta della condizione femminile in Italia? E’ un’idea di Berlusconi: il più grande intrattenitore italiano vuole spazzare via una volta per tutte gli altri leader o i suoi possibili successori, al confronto noiosissimi? Si tratta di una commedia all’italiana senza fine, dove la moglie fa una scenata al marito su un quotidiano nazionale? Ma fatto sta che Veronica Lario, oggi, è diventata di colpo un’icona di varie mogli, e partono a valanga sms in cui si legge «grande Veronica».
I quotidiani nazionali cercano di spiegare l’ennesima gaffe di Silvio, quelli internazionali, attoniti, riportano la notizia tra l’ironico e l’inverosimile, ma di nuovo Berlusconi sulle prime pagine della stampa, per quale motivo non importa, l’importante è esserci, e il cattivo, o meglio ancora pessimo gusto di cui fa ancora una volta sfoggio non ne è che una testimonianza. Sappiamo che le barzellette, le battute, gli scherzi goliardici, i corteggiamenti galanti e le gaffe più o meno intenzionali fanno parte del suo repertorio: è probabile che non cambierà mai questo stile «giocoso e irriverente » (come lo ha definito, con un certo compiacimento, nella sua risposta alla moglie) perché è su questo stile che ha costruito il suo successo come imprenditore, venditore di sogni televisivi, uomo politico. Ma ormai si sta comportando come un attore che non ha più il suo teatro e ha perso il copione, e non gli resta che inscenare la strategia dell’apparizione, dimostrando, di nuovo, il binomio politica=scherzo, ovvero la politica del teatrino.
Quando sbucò sulla scena e poi vinse le elezioni Indro Montanelli asserì che l’unico modo per gli italiani di guarire dal berlusconismo era di ammalarsene per poi poter debellare la berlusconite con gli anticorpi. Sarà vero o, forse, non c’è mai fine al peggio?

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Veronica Presidenta.

Giuseppe ha detto...

Il gallo nel pollaio!

Anonimo ha detto...

Dunque il cavalliere si è accorto che non è un uomo libero da fare quello che vuole nemmeno nella sua casa. Sia un imbroglio politico sia un ribaltone, sarà per sempre un passo di spunto femmenile mondiale meglio di quello di Hillary.
Saluti
Alberto

Susana ha detto...

Che paese divertente è l'Italia! Berlusconi chiede scuse alla moglie in un giornale e la moglie che lo accusa di latin lover sempre in un giornale. Ma non dormono insieme?

Anonimo ha detto...

Vivono insieme ma le loro case sono troppo grandi.

David ha detto...

Bellissimo "lo sciupafemmine", ma come si direbbe in spagnolo? El arruinamujeres? Chi lo sa?

Sonia ha detto...

Veronica, mandalo fuori di casa!

Mario ha detto...

Quando sia grande voglio essere come Berlusconi! Sposo tutte!

Trini ha detto...

Non funzionava il blog. Ho letto che gli italiani non approvano la lettera di Veronica. Roba da matti. Segnalo un interessante articolo della Stampa: http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200702articoli/17392girata.asp

ramon ha detto...

Questo delle lettere pubblicate sul quotidiano mi sembra il limite della politica del teatrino. E io mi domando. Questa coppia come si parlano? Al telefonino, e-mail...E come litigano? Su Internet...E come fanno l'amore? Forse virtualmente....Cose da pazzi.

Anonimo ha detto...

Tra moglie e marito, non mettere il dito...

jorge ha detto...

Paese conservatore. Sciupa femmine, sciupa paese.