lunedì 19 febbraio 2007

MANGIAMO A CREPAPELLE...E' CARNEVALE

A carnevale ogni scherzo vale: si tratta della festa in cui, grazie alle maschere e ai travestimenti, ognuno può diventare, per qualche ora o tutt'al più per qualche giorno, protagonista di un'altra vita. Anche i negozi si possono permettere l’impossibile, infatti espongono una marea di giochi e di scherzi, soprattutto per ragazzini, tra cui i più venduti, maschere a parte, sono le trombette, i fischietti e i palloncini che, schiacciati, nel sedersi da vittime inconsapevoli, emettono rumori poco edificanti. E si vendono anche le tanto odiate (almeno dagli adulti) fialette puzzolenti, un liquido fetido che appesta scuole e case. Sono gli scherzi di sempre: fastidiosi ma obbligatori, che raccontano la storia millenaria del carnevale. Infatti i suoni e gli odori non sono altro che il ricordo lontano di ciò che la festa carnevalesca voleva intendere, quando il peto non era così scandaloso, ed era la conseguenza di un mangiare a dismisura. Durante il carnevale si doveva mangiare fino a scoppiare..., perché dopo arrivava la quaresima, ovvero un lungo periodo di privazioni. E noi, adesso, mangiamo a crepapelle...: mentre degustiamo una moretta, assaporiamo alcuni dolci sardi con le frittelle e facciamo due chiacchiere... (Vi ricordate il post del 13.02? Sono le prelibatezze tipiche del Carnevale di Fano, Mamojada, Venezia ed infine, seppur con nomi diversi, delle nazionali chiacchiere, tipico dolce di carnevale).
Infine, del carnevale sardo vi proponiamo l’ascolto di due canzoni dei Tazenda, in dialetto sardo (che ve ne pare?), dedicate al paese di Mamojada e al Carnevale (eccovi i testi di Mamojada e Carrasecare!) Buon divertimento!


(Foto da Internet)

6 commenti:

Pere ha detto...

grazie Giuliana, non conoscevo niente dei dolci del carnevale e nemmeno le tradizioni sarde che sono molto belle. Sono stato in Sardegna ma non in questo periodo che è difficile viaggiare per chi lavora.

Xosé María ha detto...

Hoy mismo intentaré hacer las "chiacchiere". Gracias.

Vicente ha detto...

Mi piace il gruppo sardo. Completa il post dei Mamuthones.

Alicia ha detto...

Le chiacchiere sono buonissime. Provatele!

ramon ha detto...

Sardegna mi stupisce ogni giorno. Tempo fa, il Blog ha pubblicato un post su Franca Masu(bravissima cantante sarda che canta in catalano e italiano). Dopo è apparso un articolo del Carnavale di Mamoida. Oggi vedo che ancora c'è molte cose che questa bella isola non conoscevo (le canzoni sono bellesime e i dolci sono squisiti).

Anonimo ha detto...

Giuli per quando uno post sui dialletti in italia.
Quanti ne sono?
Difficoltà in confronto al italiano?
Qual'è il più parlato?
Io quando sento i siciliani parlare non ci capisco nulla neanche in italiano
Saluti
Alberto