lunedì 19 maggio 2008

3 T


(Foto da internet)



Tic, titolo e Travaglio sono le tre T di cui vorremmo parlarvi.

Prima T: iniziamo dalle Tic, a cui dedichiamo, di solito, uno spazio mensile. Sabato 17 maggio si è festeggiato in Spagna il Día de Internet. Ci uniamo ai festeggiamenti, ricordando i cambiamenti che abbiamo vissuto come docenti con l'avvento di Internet: dalla ricerca di informazione e di materiale vario da utilizzare a lezione, alla nascita di questo blog che ha contribuito a creare un contesto di comunicazione per gli studenti (e i docenti) d'italiano L2.
La Rete ci ha permesso di lanciare delle iniziative collaborative che hanno riscosso un buon successo tra i nostri allievi, cambiando completamente l'approccio allo studio della lingua italiana. Progetti futuri? L'uso del video, del podcast e della piattaforma Ning...

Cogliamo l'occasione per diffondere tra i nostri colleghi l'iniziativa di Lourdes Barroso volta a richiedere il riconoscimento ufficiale delle pubblicazioni online.


Oltre alla giornata dedicata ad Internet, sabato 17 si è celebrata la Giornata mondiale contro l'omofobia. La Rete, e in questo caso You tube, aderisce alla camapagna stop omofobia che condividiamo:













Seconda T: quella di Travaglio.
Vogliamo annunciarvi un'interessante iniziativa promossa dal blog di Beppe Grillo che ha per nome Passaparola: ogni lunedì, alle ore 14, Marco Travaglio parlerà in diretta streaming sul blog del comico genovese.




    passaparola



Chiunque potrà trasmetterlo in diretta dal suo blog seguendo le istruzioni del post.



(Foto da internet)

Perché Travaglio sul blog di Grillo? Bé, perché in questi giorni c'è in giro una sorta di fuoco incrociato contro il giornalista torinese, reo, secondo alcuni quotidiani italiani, di aver citato le presunte relazioni dell'attuale presidente del Senato, Renato Schifani, con ambienti e personaggi mafiosi. E' vero che Travaglio non aveva di certo usato i guanti bianchi nei confronti di Schifani durante l'intervista realizzata da Fabio Fazio a Che tempo fa, ma seminare il dubbio, come ha fatto il giornalista Giuseppe D'Avanzo su La Repubblica, sulla contiguità di Travaglio a personaggi mafiosi è preoccupante. D'Avanzo definisce Travaglio come "un’agenzia del risentimento" e lo accusa di utilizzare "un metodo di lavoro che non informa il lettore, lo manipola, lo confonde" e, in ultima istanza, di "indebolire le istituzioni".
Da queste pagine vogliamo esprimere la nostra solidarietà a Marco Travaglio e aderiamo all'iniziativa di Passaparola e di Senza bavaglio che vi preghiamo di diffondere.




(Foto da internet)

Terza e ultima T: titolo; ovviamente quello del nostro blog. Abbiamo ricevuto e pubblicato un commento di un lettore anonimo (purtroppo!) che scrive:


"Ho sempre sentito dire chiodo scaccia chiodo e non schiaccia: infatti per togliere un chiodo lo devi sCACciare sia pure con un altro chiodo, perchè se lo si sCHIaccia col cavolino che lo togli, quello rimane dov'è sia pure deformato. Prima d'insegnare occorre imparare".

Il commento ci è sembrato pertinente, ma l'ultima frase è poco elegante. Comunque, per i lettori anonimi, professori universitari ed altri che si sono interessati al titolo del nostro blog, diremo che il blog non l'abbiamo battezzato noi. Il nome è stato scelto da Antoni Navarro, responsabile dell'area linguistica del Cefire di Sagunt, alcuni anni fa, in una riunione sulle Tic, quando nessuno di noi sapeva ancora usare questo strumento. Non l'abbiamo cambiato per una lealtà antica nei confronti del nostro collega. Siamo fatti così.

3 commenti:

vicente ha detto...

Cuando el sabio señala la luna...

Maria ha detto...

Che strano paese è l'Italia! Quasi tutti sospettati di mafia?! Canvia il nome, la n non si scrive prima della p!!!!

Gianpiero Pelegi ha detto...

cara, non posso cambiare il mio nome, l'ufficiale d'anagrafe del mio paese -è ancora vivo- non me lo perdonerebbe mai!