mercoledì 17 ottobre 2007

Mancia sì, mancia no!



Vi sarà capitato anche a voi che, in un ristorante, all’estero -o nel vostro paese-, al momento di pagare il conto pensate a voce alta o in silenzio (dipende dalle circostanze): «E adesso devo lasciare la mancia, o no?» «Come mi devo comportare per non fare gaffe? » «Quanto devo lasciare di mancia al cameriere?». La risposta, più o meno, suonerà così: paese che vai usanza che trovi e sbirciamo con la coda dell'occhio per vedere che succede attorno a noi. Ma vai tu a sapere come stanno veramente le cose!
Un rovello sociale, un rebus del saper vivere, e anche una trappola. La realtà è: paese che vai mancia che trovi! Ebbene sì, siamo davanti ad un’abitudine che di globalizzato ha ben poco.
Ma che cos’è la mancia? Secondo il galateo (insieme di norme comportamentali con cui si identifica la buona educazione che aiuta a risolvere le situazioni spinose in cui possiamo incorrere) la mancia si dovrebbe adeguare all'ambiente...
E in Italia, si dà la mancia? Si elargisce una mancia più o meno cospicua perché si è stati trattati bene oppure solo perché si è obbligati, perché non se ne può fare a meno, per evitare una brutta figura?

«In Italia non c'è la cultura della mancia - sostiene Enzo Vizzari, direttore della Guida dell'Espresso- gli italiani non vivono la mancia come un obbligo, come una necessità. Ho visto dare mance ridicole, quasi umilianti. La tendenza è quella di lasciare monetine, ma proprio minutaglia: sbarazzarsi degli spiccioli. Allora è meglio non dare niente. Personalmente credo che la mancia debba essere un piccolo premio, un segnale di gratitudine in funzione del grado di soddisfazione. Va data quando è meritata. E comunque sempre in banconote».
Gli italiani, ormai, non si comportano più in maniera splendida. Forse per paura di sbagliare, forse per l’euro (ci si svuota le tasche solo di centesimi, le altre monete sono soldi!!!), ma il piatto piange. Da un sondaggio risulta che la mancia è un gesto abituale e irrinunciabile soltanto per un italiano su tre, ed è un'usanza più diffusa al Centro e al Sud che non al Nord, più parsimonioso e oculato. Sono più generose (in alcuni casi anche perché più solvibili) le persone di mezz'età rispetto ai giovani.


(foto da internet)

Al cameriere, al parcheggiatore, alla shampista, alla guardarobiera, al tassista, al fattorino, al benzinaio, al portiere d'albergo: da segno di apprezzamento a piccola tangente. Attenzione, però, lasciare mance esagerate è da nuovi ricchi, da cafoni.
Che ne dite del modo di agire di alcuni vip?
Figuratevi che negli U.S.A. c'è... una cameriera amareggiata, bitterwaitress.com, ovvero una spia sulla tirchieria dei ricchi, belli e famosi. In Italia, almeno in questo, i camerieri sono più discreti!

E voi, che ne dite?

14 commenti:

amparo s. ha detto...

Io non lascio mai la mancia perché penso che il cameriere guadagna già il suo stipendio e deve fare il suo lavoro correttamente.

vicente ha detto...

Mancia no! Chi viene al mio lavoro non mi da niente se io lavoro bene. Perché a un cameriere sì?

Clara ha detto...

La mancia è un segno del godimento di un cibo. E' un bel segnale.

Andreu ha detto...

Lascio spiccioli. E' brutto?

Susana ha detto...

I prezzi delle mancie italiane sono molto care! Io lascio le monete nel conto.

Sergi ha detto...

Niente mancia. Per me è un atto di feudalismo.

Anonimo ha detto...

Negli US e nei paesi sudamericani il servizio di terrazzo viene risarcito di un 10% sull'ammonto ed è riscuoto dai camerieri alla fine della giornata, penso che così si evitarebbe malintesi e risse.
Secondo la graduatoria non tenterò tagliarmi i capelli neanche a scodella in Italia a Natale per non lasciare la strenna o tangente di 50€ Caspita caspita!
Saluti
Alberto

Clemente ha detto...

Io credo che la mancia sia un vero furto!

Carmen ha detto...

Lascio piccole monete ma no sempre.

Giuliana Mitidieri ha detto...

Andreu, che ti posso dire..., dipende dall'ambiente, e, quindi dal luogo in cui ti trovi.
E poi ci sono spiccioli e spiccioli, le monete degli euro, non sono così tanto insignificanti.
Ciao
Giuliana

Anonimo ha detto...

Negli US e nei paesi sudamericani il servizio di terrazza viene risarcito di un 10% sull'ammonto ed è riscuoto dai camerieri alla fine della giornata, penso che così si evitarebbe malintesi e risse.
Secondo la graduatoria non tenterò tagliarmi i capelli neanche a scodella in Italia a Natale per non lasciare la strenna o tangente di 50€ Caspita caspita!
Saluti
Alberto

Jomi ha detto...

Lascio anche io ma sempre se il servizio ha stato bene e quanto mi ritornano.

Pepe ha detto...

La mancia è sinonimo di servilismo. Niente mancia!

Anonimo ha detto...

Ragazzi io faccio il fattorino (porto le pizze a domicilio) in un paese della provincia di Roma! LA paga fa schifo (10 euro a serata), PERò LA CONSEGNA è GRATIS!!!! Allora penso che forse qualche volta 1 euro di mancia nn vi farebbe male!!!! Io praticamente campo con quelle!

Dal mio conto... ho visto di tutto!
Gente che ti lascia 5 centesimi e ti dice "il resto è tuo e amici come prima"!!!! Oppure "scusami non ho spicci" mentre il portafogli è stracolmo!!!! Insomma me ne sono successe di tutti i colori...

Un piccolo consiglio... Se ordinate la pizza trattate bene il fattorino... è L'ULTIMO CHE TOCCA LE VOSTRE PIZZE!!! AHAHAH