giovedì 14 maggio 2009

La passione italiana di Carlo d'Inghilterra

(foto da internet)

Chi ha provato la magia di un culatello fatto a regola d´arte, non lo dimentica più. È successo anche al Principe Carlo d'Inghilterra che, dopo aver assaggiato una fetta di questo salume ha detto al fondatore di Slow Food: "C'è un produttore di Parma, usa i maiali come i miei, vorrei incontrarlo". Ed è così che è nato il sodalizio fra Massimo Spigaroli, il re del culatello di Zibello e l'erede al trono inglese. Spigaroli, imprenditore e agricoltore, è un'autorità nel campo dei salumi ed in particolare del culatello, sul quale puntualizza: “non è un prodotto meccanico ma è fortemente legato alla manualità.”


Apprezzato da molti Vip, il culatello ormai annovera tra i suoi estimatori oltre al Principe d’Inghilterra anche Gerard Depardieu e Giorgio Armani. Ma non è affatto strano, in quanto questo prodotto è ben più pregiato del Prosciutto di Parma. Infatti, nella sua preparazione si usa soltanto la parte centrale, quindi la più morbida e delicata, della coscia di maiale.
I maiali devono essere macellati in autunno, quando hanno raggiunto i 14 mesi di vita e pesano 180 chili, e la loro alimentazione dev'essere stata rigorosamente naturale: siero di latte, crusca, mais e orzo.
A Zibello, patria del culatello D.O.P. lo si produce ancora in modo artigianale: le parti centrali del muscolo della coscia sono poste in una soluzione d'acqua e sale e dopo inserite in una pelle simile al budello che ne consente la respirazione durante la fase di stagionatura che dura 14 mesi.
Ottimo antipasto, risulta eccellente se privato della pelle e lasciato marinare nel vino per 10 giorni.

4 commenti:

vicente ha detto...

Questo prodotto si trova in Spagna?

Xosé Maria ha detto...

Carlos tiene el paladar muy fino. No creo que el culatello se encuentre en España. Es un embutido exquisito.

Anonimo ha detto...

Covolo!! allora il Principe è un cannibale!!!!!!...ricordati di dargli un morso a Emmanuele Filiberto proprio nella gamba!!!

Amparo ha detto...

Sarà un'ottima idea assaggiare questo prodotto, vero?.

Amparo Santaúrsula