giovedì 2 aprile 2009

Un nobel mancato


Proprio martedì scorso, dopo aver letto un racconto di Alberto Moravia intitolato Non approfondire, un'alunna esclamò: "Così è un piacere fare comprensioni scritte!" Sorprendentemente, perché è pressoché impossibile che gli alunni di una classe siano d'accordo su qualcosa, i suoi compagni concordarono con lei che il racconto era stato piacevole da leggere e che avrebbero voluto leggerne altri di questo autore.
Curiosamente, giusto il giorno dopo, un quotidiano pubblica un articolo che svela la ragione per cui allo scrittore romano è stato ripetutamente negato il Nobel: la sua opera non è dotata di quella tendenza idealistica necessaria, a quanto pare, per ricevere il prestigioso premio.
Infatti secondo gli accademici svedesi "Gli indifferenti e La ciociara rivelano un tratto spiacevole, troppo attento al tema erotico". Non contenti giudicano Moravia autore di romanzi "da voyeur", privi di "tensione idealista", alcuni dei quali addirittura "insignificanti".
Il nome di Moravia apparve nel 1949 per prima volta nella rosa dei candidati meritevoli di essere presi in considerazione per il prestigioso riconoscimento letterario internazionale. o scrittore aveva gia' pubblicato altri due romanzi significativi della sua produzione, La romana e Agostino, ma non ancora tradotti in svedese. Da allora il giudizio sul romanziere romano fu sostanzialmente positivo, ma i giurati di Stoccolma decisero di rinviare l'eventuale assegnazione del premio a Moravia ad un anno successivo, che pero' non arrivo' mai. A svelare i retroscena di quwto mancato riconoscimento è il libro La letteratura italiana e il premio Nobel. Storia critica e documenti di Enrico Tiozzo , docente di letteratura italiana all'Universita' di Goteborg, che per la prima volta presenta tutte le carte inedite dell'Accademia di Svezia relative alle candidature italiane al prestigioso riconoscimento dal 1901 al 1957.

Poco idealista e troppo erotico? A noi, invece, Moravia piace. E a voi?



3 commenti:

vicente ha detto...

E Cela allora? Moravia è un grande scrittore anche senza Nobel.

maria ha detto...

Anche io credo che Moravia è u grande scrittore. Il Nobel non importa.

Amparo ha detto...

Anche a me piace questo scrittore. Penso che non abbia bisogno del Nobel per dimostrare che il suo lavoro è buono.

Amparo Santaúrsula