lunedì 19 gennaio 2009

Style(tto) run

(foto da internet)

C’è chi crede che non tutte le scarpe siano adatte alla corsa. Pare che la cosa migliore sia cercare il modello di scarpe da atletica più vicino alle nostre esigenze e al nostro tipo di fisico, in modo da evitare sforzi inutili e il rischio di fastidiosi effetti collaterali
All'apparenza scegliere le scarpe da running adatte sembra un’impresa quasi impossibile: basta entrare in un qualsiasi negozio specializzato e imbattersi in centinaia di modelli quasi identici, ma con le indicazioni giuste si può fare la scelta corretta.
Innanzitutto è bene evitare scarpe che calzino strette o al contrario troppo larghe. Bisogna provarle sempre a entrambi i piedi e non a uno solo. Un’altra caratteristica essenziale è sicuramente la leggerezza allo scopo di non affaticare i muscoli delle gambe.
Un ulteriore consiglio poi è quello di spendere qualche euro in più e di affidarsi a delle marche ben note e non a una scarpa da corsa di dubbia provenienza e fattura. Tra le marche più popolari tra i velocisti, ci sono le scarpe da corsa Asics, Adidas e Mizuno.


(foto da internet)

Ma siamo proprio sicuri che per vincere una corsa bisogni calzare scarpe da atletica? Chi ha detto che sui tacchi a spillo non si cammina bene? st Perché non sostituire un paio di scarpe con i tacchi,alle Adidas, Asics e Mizuno, che di solito calzano i runner? Se pensate che vincere una corsa con questo tipo di calzature sia improbabile, sbagliate!

(foto da internet)

Decine di donne dall'alto dei loro centimetri si sfidano ogni anno nella "stiletto run", la corsa su tacco a spillo. La fascinosa corsa è nata a Berlino, su iniziativa della rivista Glamour. L’ultima edizione si è tenuta a Sidney e la vincitrice dei diecimila euro in palio è stata la diciottenne Brittney Mc.Glone.

Diteci un po’, conoscete altre competizioni altrettanto bizzarre?

2 commenti:

Tiziana ha detto...

Odio i tacchi. Come si fa a fare una corsa sui tacchi a spillo?

Amparo ha detto...

Non avrei potuto fare questa corsa perché di solito non posso portare scarpe con i tacchi, mi fanno male i piedi.
Non conosco nessuna competizione tanto bizzarra ma dove abito ancora si fanno corse con un cucchiaio nella bocca e un uovo. Si deve andare in fretta senza che cadda l'uovo. È un po' difficile ma divertente.

Amparo Santaúrsula