domenica 22 ottobre 2006

Ricette toscane alla ricerca di Pinocchio

Avete sentito dire che "i monelli fiorentini" sono tipi arguti, schietti e senza peli sulla lingua? Bene! Nel 1826 nacque a Firenze un bambino che si sarebbe fatto notare tra i monelli del suo quartiere popolare per il suo carattere vivacissimo. Si chiamava Carlo Lorenzini e c'era chi scommetteva che avrebbe fatto carriera. Infatti diventò scrittore, e dei monelli par suo fece i protagonisti del libro Occhi e nasi. Però la celebrità gliela diede un naso... ben diverso! Prima però Carlo partecipò attivamente al Risorgimento. E Carlo prese il cognome di Collodi ( il nome del paese di sua mamma) proprio quando pubblicò articoli che propugnavano l'unità d'Italia.
In seguito cominciò a scrivere per i ragazzi ed inventò Giannettino e Minuzzolo, due tipi che snocciolano mille perché, curiosi di tutto e ottengono spiegazioni precise, esposte in modo divertente. Una sera Collodi, triste perché senza soldi, incontrò il direttore di un nuovo settimanale per ragazzi. " Vuoi collaborare Carlo? Deciditi!". Collodi accettò e nacque Pinocchio. La prima puntata delle Storie di un burattino, con l'illustrazione di un gatto su un orologio, che nulla aveva a che vedere col racconto, piacque subito ai piccoli lettori, che non vedevano l'ora di leggere il seguito. Ma dovettero penare parecchio, perché Collodi, molto pigro, interrompeva la storia proprio nei momenti più tragici della sorte del suo protagonista e non si decideva mai a finirla. Da tutta Italia i bambini lo tempestavano invano di lettere perché Pinocchio andasse avanti con il racconto. Per fortuna un ragazzino romano gli mandò una lettera così commovente che Collodi decise di metter via la pigrizia e scrisse la seconda parte del racconto. E finalmente, nel 1883, concluse quelle Avventure di Pinocchio che voi conoscete benissimo. Il burattino ci ha insegnato che dalle monellerie ci si deve riabilitare. Ricordate? Pinocchio chiede a Mangiafuoco di essere bruciato al posto di Arlecchino ed affronta rischi e pericoli per ritrovare Geppetto... Merita, così di diventare un bambino vero, per opera della Fatina dai Capelli Turchini che gli é vicina anche nel monumento, oggi eretto in suo onore nel paese di Collodi. Pinocchio dal lungo naso che denuncia le bugie...
Oggi a Collodi c'è un parco, il Parco di Pinocchio, luogo dove la fantasia diviene tentazione sia per gli adulti che per i piccini.
E perché, lungo questo itinerario toscano, non ci fermiamo 'all'osteria del Gambero Rosso, dove arrivarono sul far della sera Pinocchio, il gatto e la volpe. "All'Osteria del Gambero Rosso son benvenuti bambini e burattini grandi e piccini Volpi, Grilli e altri animali. Qui tutti si sgranocchia a più non posso ci viene volentieri pure il Gatto tu adesso prova qualche nostro piatto... " Ecco due tipiche ricette toscane della zona.

1 commento:

josé maría ha detto...

Gracias. No obstante, los "ceps" (boletus edulis) son difíciles de encontrar en la Comunidad Valenciana.